Weekly Reviews Separatore

Weekly News 15_2020: gli speciali sui DC Superheroes e Stargirl e le recensioni di Grey’s Anatomy e The Resident

Stargirl: tutti i particolari dello show che debutterà negli USA a maggio

Stargirl, la nuova serie prodotta da Greg Berlanti, Geoff Johns e Sarah Schechter, che sarà trasmessa negli Stati Uniti martedì 18 maggio su DC Universe, il canale streaming della DC Comics, su cui hanno già debuttato show come TitansDoom Patrol, Harley QuinnYoung Justice: Outsiders, ed il 19 maggio su The CW, segue le avventure dell’omonimo personaggio dei fumetti creato da Johns (autore del pilot) e Lee Moder nel 1999. [CONTINUA]

Arrow: perché esiste l’ottava stagione?

L’ultimo episodio della 7^ stagione di Arrow sarebbe stato un perfetto finale di serie: la storia di Oliver Queen (Stephen Amell), sia quella personale che di eroe, sembrava aver trovato la sua perfetta conclusione nell’episodio You Have Saved This City e ad essere rimasti irrisolti restavano solo i dubbi legati al suo destino nell’imminente Crisi sulle Terre infinite. Il dubbio quindi che l’8° stagione della serie sia stata concepita solo per servire la trama del crossover è comprensibilmente sorto in molti fan, dubbio al quale però gli autori dello show hanno presto risposto. [CONTINUA]

DC Superheroes – Altro che Robin: i 10 migliori sidekick dell’Arrowverse

Non esisterebbero né l’Arrowverse né i suoi eroi senza i compagni di battaglia di personaggi come Arrow, The Flash, Supergirl e Batwoman e se c’è qualcosa in cui questo universo tutt’ora eccelle, è certamente la capacità di affiancare ai protagonisti delle diverse serie dedicate ai supereroi, amici, compagni di battaglia, alleati ed alle volte persino amanti che, con il tempo, si sono rivelati indispensabili per lo show, sia dal punto di vista tattico che di quello delle storyline a loro dedicate. [CONTINUA]

The Resident 3×20 “Burn It All Down”: la recensione [FINALE DI STAGIONE]

Come molte altre produzioni televisive, anche la 3^ stagione di The Resident ha subito un taglio ed è stata interrotta per la crisi del coronavirus, il che ha fatto di questo 20° episodio, intitolato Burn It All Down, l’improvvisato finale di stagione che, seppure si conclude con un cliffhanger, non si può definire del tutto soddisfacente. [CONTINUA]

Grey’s Anatomy 16×21 “Put on a Happy Face”: la recensione [FINALE DI STAGIONE]

Per essere un finale di stagione improvvisato, Grey’s Anatomy è riuscita tutto sommato a fare un buon lavoro con Put on a Happy Face, che lascia alcune importanti trame in sospeso, mentre ne conclude (felicemente) altre, come nel caso dell’amatissimo Richard Webber. L’idea che lo show potesse perdere questo personaggio, dopo essere già andato incontro allo shock dell’addio di Alex Karev, era sostanzialmente insostenibile e fortunatamente gli autori hanno tenuto conto di questa discriminante quando hanno scelto una conclusione per questa storyline. [CONTINUA]

DC Superheroes: 5 volte in cui Arrow e The Flash sono stati i cattivi della storia

Essere degli eroi non è facile e se c’è qualcuno che l’ha ripetutamente dimostrato nel suo difficile cammino sono proprio Oliver Queen (Stephen Amell) e Barry Allen (Grant Gustin) nei loro ruoli di protagonisti di Arrow e The Flash. [CONTINUA]

DC Superheroes: perché la sesta stagione di The Flash ha una struttura inedita

Come anticipato già dai tempi del San Diego Comic-Con 2019 da Eric Wallace, il nuovo showrunner alla guida di The Flash, la sesta stagione della serie ha un’impronta particolare e si distingue dalle precedenti per una struttura decisamente innovativa tra quelle dell’Arrowverse, con il crossover evento di Crisi sulle Terre Infinite a fare da spartiacque tra due “mini stagioni” indipendenti, con le loro trame ed i loro antagonisti. [CONTINUA]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.