Weekly Reviews Separatore

Weekly News 5_2020: gli speciali su The Flash e ZeroZeroZero e le recensioni di Grey’s Anatomy e delle serie dell’Arrowverse

Separatore Bad nuovo

The Flash: come sarà il mondo del velocista scarlatto post-crisi?

La sesta stagione di The Flash, tornerà in onda negli Stati Uniti martedì 4 febbraio con l’episodio intitolato Marathon. Come da tradizione per l’Arrowverse, la serie con protagonista il velocista scarlatto è quella forse più legata ai fumetti a cui si ispira, nonché lo show a cui vengono normalmente affidate la maggior parte di quelle che potremmo definire le “spiegazioni tecniche” legate al multiverso, di cui – non a caso – si parlò per la prima volta proprio all’inizio della seconda stagione quando Jay Garrick (Teddy Sears) irruppe negli STAR Lab da un altro universo illustrando una teoria a cui, a quel tempo, solo il professor Stein (Victor Garber) credette. Le azioni del neofita The Flash avevano aperto un portale, alla fine della prima stagione, che era servito da passaggio non solo a Jay ma anche a colui che divenne poi uno dei suoi più acerrimi nemici: Zoom, il quale scagliò un esercito di metaumani contro The Flash al fine di uccidere il suo nuovo nemico e tornare ad essere il solo frequentatore nel multiverso della Forza della Velocità. [CONTINUA]

Supergirl 5×11 “Back From the Future – Part One”: la recensione 

C’è un evidente sentimento di entusiasmo che traspare da Back From the Future Part One, secondo episodio di Supergirl post-Crisi, che non è dato solo dal ritorno dal futuro del personaggio di Winn Schott  (Jeremy Jordan) per un breve arco narrativo o dal fatto che David Harewood segga per l’occasione sulla sedia della regia, ma da un’autentica gioia da parte degli attori di essere riuniti dopo la decisione di Jordan di lasciare la serie, che nessuno è riuscito o ha voluto probabilmente mascherare, soprattutto considerato come ciò favorisse la trama dell’episodio. [CONTINUA]

Batwoman 1×11 “An Un-Birthday Present”: la recensione

Con An Un-Birthday Present, Batwoman tira fuori dal cilindro uno dei migliori episodi post-Crisi che abbiamo visto fino ad ora nell’Arrowverse dopo la sorprendente ed inattesa rivelazione della scorsa settimana che gli eventi del crossover hanno portato ad una riscrittura della realtà in cui, nella Gotham di Terra-Prime, la sorella di Beth non è mai morta e Kate stessa è riuscita a salvarla prima che la macchina precipitasse nel vuoto dando inizio all’incubo della “sua” Beth ed alla trasformazione di quest’ultima in Alice. [CONTINUA]

Arrow 8×10 “Fadeout”: la recensione [FINALE DI SERIE]

Quale modo migliore di piangerne la morte di qualcuno che celebrarne la vita? Il finale di serie serie di Arrow è un episodio non facile da giudicare nel suo complesso, che – a seconda di come si è vissuta questa serie – può essere sia amato che odiato. La trama di Fadeout in sé non aggiunge molto al tema intorno alla quale si svolge: il sacrificio dell’eroe, ma ciò non significa che non porti elementi di novità, uno dei quali, probabilmente il più grande ed inaspettato è che, con la sua morte, Oliver Queen non si è limitato semplicemente a creare Terra-Prime e forse un nuovo multiverso, ma ha anche fatto in modo di salvare volutamente la vita ad alcuni personaggi che durante il percorso della serie erano morti, cambiando così il corso della loro storia. [CONTINUA]

ZeroZeroZero: in attesa della serie tv, scopriamo il libro di Roberto Saviano

Credi nell’amore? L’amore finisce. Credi nel tuo cuore? Il cuore si ferma,” è con queste parole che inizia la storia di ZeroZeroZero, la serie televisiva tratta dall’omonimo romanzo di Roberto Saviano edito da Feltrinelli, co-creata da Stefano Sollima, Leonardo Fasoli e Mauricio Katz e prodotta da Cattleya, Bartlebyfilm per Sky, CANAL+, Amazon Prime Video e Studiocanal TV, che debutterà su Sky Now Tv il 14 febbraio e cogliamo una certa geniale ironia nella scelta della data di San Valentino per la presentazione di questo progetto in 8 puntate che racconta lo scontro di tre diversi mondi uniti dal traffico internazionale di cocaina. [CONTINUA]

Grey’s Anatomy 16×11 “A Hard Pill to Swallow”: la recensione

La curiosa coincidenza, che a questo punto dubitiamo sia tale, è che gli Stati Uniti hanno dichiarato guerra aperta alle sigarette elettroniche. Nel giro di due settimane, infatti, gli ultimi episodi di Chicago Med, New Amsterdam ed ora Grey’s Anatomy, hanno affrontato un caso in cui un minorenne viene colpito dalla nuovissima malattia dei consumatori di questo prodotto che, assieme ad affaticamento, nausea, tosse, febbre e difficoltà respiratorie, può portare anche alla morte nei casi più estremi. Il messaggio è chiaro, usare le sigarette elettroniche è estremamente pericoloso per i giovani, non solo per le possibili ripercussioni sulla salute, ma anche e soprattutto perché, essendo questa una nuova malattia, non esistono ancora protocolli ufficiali per combatterla, il che aumenta i rischi per coloro che ne sono colpiti. [CONTINUA]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.