Weekly Reviews Separatore

Weekly Reviews: le recensioni della settimana e lo speciale sul mideason finale di The Flash

Separatore Bad nuovo

The Flash: le anticipazioni e le speculazioni sul finale di metà stagione

Il finale di metà stagione di The Flash, che precederà il crossover di Crisi sulle Terre Infinite, sarà costituito da un doppio episodio dal titolo L’ultima tentazione di Barry Allen parte 1 e parte 2, che sembra proprio ispirarsi, forse con un eccesso di mania di grandezza o una notevole dose di ironia, dipende da come la vediate, all’Ultima tentazione di Cristo, la discussa pellicola di Martin Scorsese del 1988 che trattava appunto il delicato tema dei dubbi che perseguitarono Gesù di Nazareth in vista del suo sacrificio. [CONTINUA]

Supergirl 5×07 “Tremors”: la recensione

Ad un solo episodio dal finale di metà stagione ed a 3 settimane dal crossover di Crisi sulle Terre Infinite, il settimo episodio della quinta stagione di Supergirl è così carico di eventi da avere qualche difficoltà a tenerne interamente traccia, il che non è ovviamente un bene in una puntata salvata nel complesso dallo scontro tra Lena e Kara. Ma prima di arrivare a quell’atteso momento, affrontiamo tutte le storyline di Tremors, tra cui una delle più importanti è proprio quella in cui viene svelato il mistero di Leviathan. [CONTINUA]

Batwoman 1×07 “Tell Me the Truth”: la recensione

Una delle molte verità rivelate in Tell Me the Truth, 7° episodio di Batwoman, è che Kate Kane si sta allontanando sempre di più dalla formula del cupo e meditabondo protagonista di Arrow, anche se le due serie continuano ad essere comprensibilmente paragonate sin dal debutto di quest’ultima. Nonostante gli show si assomiglino nelle atmosfere, i loro protagonisti non potrebbero però essere più diversi: dove Oliver Queen è stato introdotto come una persona che voleva essere qualcun altro, un uomo e soprattutto un eroe migliore, Kate è invece rappresentata da subito come una donna orgogliosamente fiera di ciò che è e ciò che ha ottenuto nella vita, disposta ad esporsi agli altri senza vergogna, a rinunciare ad una brillante carriera e ad essere costretta in un certo senso a nascondersi solo quando indossa la maschera di Batwoman, il che la rende un’eroina molto più equilibrata di quanto Arrow non fosse nelle prima stagioni, e questo nonostante tutto quello contro cui debba combattere Kate nella vita, tra pregiudizi e rifiuti. [CONTINUA]

The Man in the High Castle 4×02 “Ogni porta di uscita”: la recensione

Ogni porta di uscita…, secondo episodio della quarta stagione di The Man in the High Castle ha un passo ben diverso dal primo, il che promette bene per questo finale appuntamento con una serie che, tra qualche alto e basso, è andata sempre migliorando negli anni. La puntata dedica qualche tempo alla vita di Juliana nella nuova realtà nella quale – ben lungi dal trovare rifugio emotivo – la ragazza continua a cercare una connessione con il mondo che si è lasciata alle spalle, andando al cinema a guardare film sul processo di Norimberga come Vincitori e vinti, studiando attentamente le mosse del suo nemico e comprendendo come il Reich stia usando degli agenti inviati in incognito in questa terra parallela per cercare di destabilizzarne l’equilibrio politico e carpirne i segreti. In una particolare e molto tesa scena con John Smith, in cui Juliana viene da lui invitata a ballare in quella che dovrebbe essere un’innocente uscita tra amici, viene inoltre evidenziato come lei fatichi ancora a distinguere il suo nemico da quest’uomo che si dimostra invece tanto attento e premuroso nei suoi confronti e continua a punzecchiarlo come a provocare in lui una risposta che lo faccia in qualche modo somigliare alla persona che, un anno prima, l’ha quasi uccisa, testando la sua lealtà ed onorabilità. [CONTINUA]

The Flash 6×06 “License to Elongate”: la recensione

Episodi come License to Elongate, il secondo della serie diretto da Danielle Panabaker, sono la prova evidente di come The Flash stia risparmiando colpi in vista del finale di metà stagione e soprattutto del crossover, una scelta che si sta ripetendo in questa prima metà della stagione  per cui saremmo probabilmente portati ad essere più severi nel nostro giudizio se il risultato non fosse così piacevole, anche in un episodio innocuo come quello appena andato in onda. Spinti dalla necessità di risparmiare sul budget gli autori hanno infatti prescelto per la puntata pre-finale di metà stagione e pre-crisi (che si prevedono entrambe piuttosto fosche e cariche di emozioni ed effetti speciali) un tono leggero che perfettamente si adatta al brillante duo composto da Grant Gustin e Hartley Sawyer, che omaggia senza mezzi termini il mito di James Bond. [CONTINUA]

Arrow 8×05 “Prochnost”: la recensione

E’ difficile immaginare questa ottava ed ultima stagione di Arrow privata di tutta l’energia emotiva che Stephen Amell sta regalando al pubblico con il suo personaggio: gran parte di quello che abbiamo visto quest’anno costituisce infatti un grande passo avanti rispetto agli standard della serie in particolare grazie all’interpretazione accorata e sincera del protagonista, che riesce a dominare perfettamente ad ogni puntata la soverchiante sensazione di disagio che Oliver Queen deve provare nel trovarsi in una circostanza in cui non ha tempo di pensare a se stesso a causa della missione che deve compiere, ma in cui allo stesso tempo è costretto a rivisitare tutta la sua vita, gli errori che ha commesso e le scelte che ha fatto, senza mettere a repentaglio l’unica chance che gli è stata miracolosamente concessa non solo di creare un rapporto con i propri figli, ma anche di non comprometterlo per sempre. [CONTINUA]

The Man in the High Castle 4×03 “La scatola”: la recensione

Dal rapporto genitori-figli, tema centrale del secondo episodio di The Man in the High Castle, in La scatola tutto è incentrato sull’impatto che l’ambiente che ci circonda ha sulle nostre scelte, influenzandone le decisioni. L’azione principale di questo terzo episodio torna ad ruotare intorno agli eventi che si svolgono nella nuova realtà con Juliana ed il suo difficile rapporto con la famiglia Smith: Thomas sembra deciso ad arrolarsi, nonostante il parere contrario di tutte le persone che gli sono più vicine e la donna, sentendo sempre più il fiato degli agenti del Reich del suo universo sul collo, decide di procurarsi una pistola per protezione personale. [CONTINUA]

Grey’s Anatomy 16×09 “Let’s All Go to the Bar”: la recensione [MIDSEASON FINALE]

Non sarebbe un midseason finale di Grey’s Anatomy degno di questo nome senza una buona dose di colpi di scena e tragedie e, dopo una prima metà di stagione nel complesso piuttosto tranquilla, Let’s All Go to the Bar non risparmia colpi (bassi) a nessuno. A gennaio, quando la serie tornerà con una première di due ore, nonché episodio crossover con Station 19, che debutterà con la sua terza stagione, ci saranno molte trame in sospeso da risolvere che coinvolgono anche personaggi del non fortunatissimo spinoff dello show, i cui protagonisti non tutti gli appassionati di Grey’s Anatomy necessariamente conoscono, proprio come nel caso del Capitan Herrera, il padre di Andrea, che si reca in ospedale per una visita, finendo per ricevere la conferma che il cancro che lo aveva colpito e dal quale pensava di essere guarito è invece purtroppo tornato. [CONTINUA]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.