Weekly Reviews Separatore

Weekly Reviews: Tom Welling in Crisi sulle terre Infinite e le recensioni sulle serie dell’Arrowverse e di Grey’s Anatomy

Separatore Bad nuovo

Crisi sulle terre Infinite: gli ultimi spoiler dai set del crossover

Ogni giorno è Natale grazie alle notizie che ci giungono da Vancouver. Da quando sono cominciate le riprese del crossover di Crisi sulle Terre Infinite, fioccano infatti spoiler e aggiornamenti su quello che promette di essere il più folle ed ambizioso progetto degli ultimi anni (o magari di sempre) della storia della televisione. A prescindere da quello che sarà il risultato, che non ci sarà possibile giudicare fino alla messa in onda dei 5 episodi che coinvolgeranno l’evento, quel che è certo – grazie agli spoiler che ci giungono da oltreoceano – è che autori e produttori stanno spendendo notevoli energie per ricreare la spettacolarità di un evento che ha segnato la storia della DC Comics. [CONTINUA]

Supergirl 5×02 “Stranger Beside Me”: la recensione

Stranger Beside Me (Uno sconosciuto accanto a me), secondo episodio della 5^ stagione di Supergirl, come suggerisce il titolo, oltre ad essere un ideale seguito della première della scorsa settimana, è una puntata strettamente dedicata ai rapporti che legano i protagonisti della serie e a quanto sappiano l’uno dell’altro e le sorprese, come era intuibile, non mancheranno. [CONTINUA]

Batwoman 1×02 “The Rabbit Hole”: la recensione

Giunta alla sua seconda apparizione, se escludiamo il debutto nel crossover dello scorso anno Elseworlds, Batwoman è per noi ancora un enigma che deve essere decifrato ed una serie sulla quale non ci siamo ancora fatti un’opinione ben precisa. Rispetto al pilot, in The Rabbit Hole ci sono dei notevoli miglioramenti, ma allo stesso tempo vengono fuori anche alcune caratteristiche peculiari delle serie berlantiane o dell’Arrowverse, comunque desideriate classificarle, che – in tutta onestà – avremmo preferito non veder affiorare. [CONTINUA]

Arrow 8×01 “Starling City”: la recensione

Scritto da Stephanie Schwartz e Marc Guggenheim e diretto James Bamford, Starling City, ci era stato promesso, sarebbe stato il primo episodio di una stagione completamente rinnovata di Arrow, tanto da sembrare qualcosa di completamente diverso e, da quanto abbiamo visto, possiamo dare lo stampo della nostra approvazione e dichiarare la missione compiuta. La première di questa finale stagione di una serie che, con tutti i suoi difetti, ha dato vita ad un multiverso televisivo, è un episodio pienamente godibile, a tratti divertente, che gioca con abilità con l’effetto nostalgia e risulta essere, proprio come il protagonista dello show Stephen Amell aveva promesso, una lettera d’amore dedicata ai fan di lunga data della serie. [CONTINUA]

Arrow 8: tutti gli scioccanti eventi della première!

Starling City, la première dell’8^ ed ultima stagione della serie capostipite dell’Arrowverse non ha perso temo nello sciogliere alcuni dei più grandi misteri che aleggiavano intorno a questo finale appuntamento con Arrow, che sarà composto da un totale di 10 episodi in questa stagione, uno dei quali farà parte delle 5 puntate che racconteranno gli eventi della Crisi sulle Terre Infinite che investirà il multiverso berlantiano tra dicembre 2019 e gennaio 2020 e, sebbene i fan della serie fossero preparati a qualcosa di notevole impatto emotivo, in pochi immaginavano che la Crisi fosse così imminente, tanto da essere raffigurata nei minuti finali dell’episodio in cui viene mostrata l’epica distruzione di Terra-2 da parte dell’antimateria. [CONTINUA]

The Flash 6×02 “A Flash of the Lightning”: la recensione

Con la rivelazione da parte di The Monitor (LaMonica Garrett) della scorsa settimana che The Flash è destinato a morire, Crisi sulle Terre Infinite torna ad essere al centro della scena in un episodio intimista e carico di eventi in cui Barry ed Iris si rivolgono a Jay Garrick (John Wesley Shipp) di Terra-3 per comprendere cosa sia l’antimateria e cercare di capire cosa stia davvero accadendo nell’universo. La prima reazione di Barry alla sua possibile imminente dipartita è quella di tenere momentaneamente la notizia segreta al resto del Team, in attesa di aver raccolto maggiori informazioni, cosa che decide di fare viaggiando nel futuro al giorno successivo alla sua morte: il tentativo viene però letteralmente fermato da una barriera di antimateria che non solo non gli permette di viaggiare nel tempo, ma lo lascia anche seriamente ferito. [CONTINUA]

Grey’s Anatomy 16×04 “It’s Raining Men”: la recensione

La 16^ stagione di Grey’s Anatomy continua a non avere un brillantissimo avvio, per lo più a causa di una trama orizzontale che risulta, di puntata in puntata, sempre più contraddittoria, soprattutto se paragonata al trend generale della serie che, pur essendosi spesso occupata negli anni di temi sociali, non ha mai dedicato particolare attenzione al problema dell’assistenza sanitaria negli Stati Uniti (tema sfruttatissimo, per esempio, dal più recente The Resident), il che ci fa ritrovare quest’anno con una Meredith difficile da riconoscere, almeno per certi versi. [CONTINUA]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.