Weekly Reviews Separatore

Weekly Reviews: lo speciale su Crisi sulle Terre Infinite e la recensione di Grey’s Anatomy

Untouchable: la storia di Harvey Weinstein e di cosa accade nella mente di una vittima

Esiste un genere di televisione che a nostro avviso non riceve l’attenzione che merita, ma che sta silenziosamente conquistando sempre più il favore del pubblico, riportato in auge per lo più da servizi streaming come Netflix ed Hulu che ne hanno permesso una più capillare distribuzione, ed è quello dei docu-film. In questo articolo vi parleremo in particolare di un prodotto diretto da Ursula Macfarlane e distribuito da Hulu, che si intitola Untouchable (Intoccabile) e racconta la scalata al successo e la successiva caduta di Harvey Weinstein, dopo aver ricevuto molteplici accuse di aggressione sessuale da diverse star di Hollywood per le quali è in procinto di affrontare negli Stati Uniti un processo che promette di non risparmiare colpi, né alle vittime, né all’accusato. [CONTINUA]

Separatore Bad nuovo

Crisi sulle Terre Infinite: le ultime novità sul cast del crossover

L’ultima volta che avevamo trattato l’argomento Crisi sulle Terre Infinite nei nostri speciali alla fine di agosto, la produzione di quello che è stato già definito “il più ambizioso crossover della storia della televisione” non era ancora iniziata e la possibilità che Tom Welling entrasse ufficialmente a far parte del cast dell’evento era solo uno dei tanti rumor ancora non ufficialmente confermati che giravano in rete. [CONTINUA]

Grey’s Anatomy 16×02 “Back in the Saddle”: la recensione

Al netto di questo episodio, bisogna dare atto agli autori di Grey’s Anatomy di essere riusciti ad estrapolare il meglio dall’assurda trama che ha allontanato Meredith Grey dall’ospedale che l’ha formata e le ha dato fama e riconoscimenti. Restando fermo il fatto che la dottoressa avrebbe potuto trovare altri mille modi per aiutare la sua giovane paziente alla fine della scorsa stagione, senza adottare un escamotage che sta mettendo ora a rischio la sua licenza, dopo 16 anni è un bene che alcuni dei medici del Grey Sloan Memorial Hospital si siano trovati nelle condizioni, volenti o nolenti, di allontanarsi da quel mondo dorato e protettivo per affrontare la professione medica da un punto di vista completamente nuovo per loro. [CONTINUA]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.