Gli articoli della settimana 26 febbraio-4 marzo 2018

Gli articoli della settimana 26 febbraio – 4 marzo con lo speciale su The Flash e le recensioni di Lucifer, The Resident, The Alienist, Lethal Weapon, The X-Files, Grey’s Anatomy, Scandal e Arrow.

The Flash: la forza della velocità come non l’avete (quasi) mai vista

The CW ha da poco rilasciato la descrizione del quindicesimo episodio di The Flash, intitolato Enter Flashtime, che – a giudicare appunto dal titolo – introdurrà nella serie il concetto di flashtime, di cui abbiamo già visto qualche esempio nella serie quando Barry si muove tanto velocemente da dare l’impressione che tutti coloro che lo circondano siano congelati nel tempo. [CONTINUA]

Lucifer 3×15 “High School Poppycock”: la recensione

Dopo un lungo, lunghissimo hiatus, Lucifer ritorna con il quindicesimo episodio della stagione intitolato High School Poppycock, una puntata in cui i ruoli tra il protagonista e la sua partner finiranno quasi per invertirsi mentre indagano sulla morte di una famosa scrittrice, il cui finale romanzo di una collana di successo viene rubato in occasione del suo omicidio. [CONTINUA]

The Resident 1×05 “None the Wiser”: la recensione

Il quinto episodio di The Resident si rivela forse uno dei più intensi dal debutto dello show, sia in termini di ritmo che di sviluppo dei personaggi con tanto di sorprendente rivelazione finale riguardante il protagonista interpretato da Matt Czuchry, una scoperta che assottiglia ulteriormente il confine tra dramma e soap opera. [CONTINUA]

The Alienist 1×06 “Ascension”: la recensione

In Ascension, sesto episodio di The Alienist, il Team Kreizler si mette seriamente al lavoro e sulle tracce dell’assassino, trasformando la puntata quasi in un moderno poliziesco con tanto di appostamenti notturni e scene d’azione, seguite da sorprendenti (?) rivelazioni finali. [CONTINUA]

Lethal Weapon 2×16 “Ruthless”: la recensione

Non ci stancheremo mai di elogiare il modo in cui Lethal Weapon gestisce le sue storyline, non ci sono molte serie in televisione in grado di intrattenere con il medesimo tono scanzonato di questo show, riuscendo tuttavia a non essere mai banali o superficiali, ovviamente ci sono programmi ben più profondi e emotivamente impattanti, ciò nonostante la costanza con cui gli autori di Lethal Weapon sono riusciti a costruire personaggi divertenti e coinvolgenti va riconosciuta. [CONTINUA]

Grey’s Anatomy 14×13 “You Really Got a Hold on Me”: la recensione

You Really Got a Hold on Me è stato pubblicizzato per lo più come backdoor pilot per Station 19, la nuova serie di Shondaland, spinoff di Grey’s Anatomy, il cui episodio pilota andrà di due ore andrà in onda negli Stati Uniti giovedì 22 marzo sulla ABC. Il backdoor pilot è una sorta di introduzione, trasmessa all’interno di un altro show, in cui vengono presentati i personaggi protagonisti di una nuova serie e, per quanto concerne Station 19, gli autori hanno scelto un approccio piuttosto soft, considerato che abbiamo avuto modo di conoscere solo uno dei personaggi dello show e per la precisione Andy Herrera (Jaina Lee Ortiz) vigile del fuoco per vocazione e per diritto di nascita, vista la sua parentela con il capitano Pruitt Herrera, di cui è appunto la figlia. [CONTINUA]

Scandal 7×12 “Allow Me to Reintroduce Myself”: la recensione

Quale incredibile delizia vedere due attrici del calibro di Viola Davis e Kerry Washington condividere la scena, il crossover tra Scandal e How to get away with murder è uno di quei momenti di televisione da ricordare e sicuramente da non perdere, non solo per la trama che ha portato il cammino di Annalise Keating e Olivia Pope ad incrociarsi, trama che, peraltro, è stata ben congegnata dagli autori, quanto soprattutto per la presenza scenica di entrambe le attrici che ha dato vita a due episodi davvero memorabili e perfettamente interconnessi tra loro. [CONTINUA]

The X-Files: recensione dell’episodio 11×07 Rm9sbG93ZXJz

Per addentrarci in questo originale episodio di The X-Files, cominciamo proprio dal suo strano titolo, Rm9sbG93ZXJz, che in realtà è la codifica della parola “follower” cioè seguaci, in un sistema numerico a base 64 che si chiama, appunto, Base64, lo stesso usato dalle nostre comunissime e-mail, che ci introduce peraltro proprio in quello che è l’argomento trattato da questa particolare puntata della serie, interamente e silenziosamente, dedicata alla tecnologia. [CONTINUA]

Arrow: recensione dell’episodio 6×14 Collision Course

Il rapporto con Arrow sta diventando, di puntata in puntata, sempre più conflittuale. Nonostante ci rendiamo conto che alcuni possano trovare un episodio come Collision Course di per sé divertente, noi siamo del partito di chi pensa che, dopo sei stagioni, la logica ed il rispetto dei personaggi dovrebbe avere il sopravvento sull’intrattenimento fine a se stesso.  [CONTINUA]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.