Weekly Reviews: le recensioni della settimana 18-24 febbraio 2019

Weekly Reviews: gli articoli della settimana 18-24 febbraio con il primo dei quattro speciali sul “Dietro le quinte di una serie TV” e sulla serie Doom Patrol con la recensione del suo pilot e le recensioni degli episodi di Arrow, The Good Doctor, The Flash e Grey’s Anatomy.

La storia della Doom Patrol all’interno della DC Comics, da Arnold Drake a Gerard Way

La Doom Patrol  è praticamente la versione degli X-Men della DC Comics o sarebbe meglio dire che gli X-Men sono la versione della Marvel della Doom Patrol, precisazione che spiegheremo più avanti, un team di peculiari supereroi guidati da un uomo costretto su una sedia a rotelle che cerca di proteggere quello stesso mondo che li teme e li tratta come degli outsider, dei freak.
Quel che è certo è che i membri della Doom Patrol sono ben lontani dagli eroi dalla faccia pulita della Justice League e della Justice Society of America e si considerano loro stessi afflitti, piuttosto che dotati, da poteri che non hanno mai voluto e che hanno cambiato per sempre e loro malgrado le loro esistenze, impedendogli di vivere una vita normale. [CONTINUA]

Supergirl 4×12 “Menagerie”: la recensione

Quale terribile giorno di San Valentino su Terra-38!
L’episodio di Supergirl dedicato alla festa degli innamorati fa tutto tranne che celebrare l’amore, almeno quello romantico, mentre si concentra su uno dei temi più interessanti di questa stagione: il rapporto tra Kara e Alex, privata della sua memoria ed inconsapevole dell’identità segreta della sorella. [CONTINUA]

The Good Doctor 2×15 “Risk and Reward”: la recensione

Risk and Reward, quindicesimo episodio della seconda stagione di The Good Doctor, è uno dei migliori che la serie abbia avuto da un po’ di tempo a questa parte e non è ovviamente un caso che questo cambiamento di passo coincida con due cose in particolare: l’ingresso nel cast di Daniel Dae Kim (Hawaii Five-0) nel ruolo del nuovo primario di chirurgia dottor Haan, nonché produttore esecutivo della serie che, come ci aveva già rivelato lo scorso anno in un’intervista esclusiva fatta durante il MIA, era entusiasta all’idea di lavorare nello show, ed il fatto che il protagonista Freddie Highmore fosse dietro la telecamera come regista. [CONTINUA]

Arrow 7×13 “Star City Slayer”: la recensione

Come avevamo anticipato nello speciale della scorsa settimana, il fatto che Star City Slayer – 13° episodio della settima stagione di Arrow – fosse firmato dalla showrunner Beth Schwartz era l’inequivocabile segnale che ci attendeva un’importante rivelazione che avrebbe segnato per sempre il corso della serie e infatti viene confermata una teoria che girava ormai da tempo nella rete secondo cui la Blackstar di Katherine McNamara altri non è che la figlia di Oliver e Felicity, Mia Smoak la quale, per motivi che ancora non sono stati rivelati, ha scelto di portare il nome della madre che ritiene peraltro essere ancora viva e vegeta. Il passaggio di testimone tra genitori e figli (Oliver e WilliamRene e ZoeDiggle e JJ) sta diventando uno dei temi portanti di questa stagione, non deve quindi sorprendere che sia arrivato, per la progenie della coppia principale della serie, il turno di comparire e raccontare la propria storia. [CONTINUA]

The Flash 5×13 “Goldfaced” e 5×14 “Cause and XS”: la recensione

Gli ultimi due episodi della quinta stagione di The Flash, Goldfaced Cause and XS hanno molti aspetti in comune, il più evidente dei quali è l’assenza del velocista mascherato: nel primo caso giustificata dalla missione di Ralph e Barry che si fingono dei criminali per infiltrarsi nel mercato nero di Central City, guidato, in assenza di Amunet, da Goldface e nel secondo da un episodio Nora-centrico ispirato alla pellicola Ricomincio da capo (Groundhog Day) in cui Bill Murray si ritrovava a vivere ogni mattina la stessa giornata. [CONTINUA]

Grey’s Anatomy 15×14 “I Want a New Drug”: la recensione

Pur non essendo I Want a New Drug l’episodio Amelia centrico di Grey’s Anatomy di cui tanto si parla e che arriverà nelle prossime settimane, resta comunque una puntata in cui Caterina Scorsone, come d’altronde in quasi tutta questa stagione della serie, brilla in maniera particolare.
La storyline principle della puntata è infatti dedicata a Betty, la giovane di cui Amelia si sta prendendo cura da tanto tempo e che, dopo l’ennesima fuga dal centro di recupero in cui è ricoverata, è vittima di un’overdose di massa da cui si salva solo grazie alla caparbietà di Teddy, ma a causa della quale perde il ragazzo di cui è innamorata e con il quale programmava già un futuro insieme. [CONTINUA]

Doom Patrol 1×02 “Donkey Patrol”: recensione

Doom Patrol ritorna questa settimana con l’episodio Donkey Patrol, un perfetto seguito del pilot nel quale sono stati introdotti gran parte dei protagonisti della serie, eccetto il Cyborg di Joivan Wade, che arriva a Cloverton o piuttosto arriva nel luogo che aveva una volta ospitato la cittadina dell’Ohio dopo essere stata inghiottita in un portale aperto dal misterioso Mr. Nobody, trascinando con sé anche The ChiefCrazy Jane e lasciando il resto della sgangheratissima Doom Patrol completamente incapace di reagire. [CONTINUA]

Dietro le quinte di una serie TV: cosa sapere prima di scrivere l’episodio di una serie televisiva [1^ parte]

In quanto lettori di Badtv, ne siamo certi, sappiamo che amate quanto noi le serie televisive e che avete sempre avuto delle curiosità sul dietro le quinte di questo affascinante mondo che non avete mai avuto modo di soddisfare a pieno. E proprio perché anche noi ne siamo irrimediabilmente affascinati, abbiamo pensato di proporvi di imbarcarci assieme in un’avventura che vi porterà a scoprire il dietro le quinte di una serie TV nella quale vi racconteremo le sfide di un’ipotetica eroina decisa a diventare un’autrice televisiva per una serie di produzione americana con tutti i dubbi e le incertezze che questo sogno comporterà.
Durante questo percorso vi sveleremo, articolo dopo articolo, tutti i segreti di questo universo a partire dalle regole per scrivere un episodio, fino ad inoltrarci nei meandri di una produzione televisiva, partiremo in sostanza da un foglio bianco per arrivare al prodotto finito, uno di quei tanti episodi che vi hanno fatto commuovere, divertire e sognare. [CONTINUA]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.