The Flash: recensione dell’episodio 4×10 The Trial of The Flash

Fedele allo pseudonimo del protagonista della serie, il processo mostrato nell’episodio The Trial of The Flash, che trae ispirazione dalla storia a fumetti omonima, ideata da Cary Bates, illustrata dal leggendario Carmine Infantino e pubblicata per la prima volta nel dicembre del 1984, si è svolto piuttosto sbrigativamente, pur non andando ad esaurire questo arco narrativo in un’unica puntata, come disgraziatamente già avvenuto in occasione di Flashpoint.

Il processo a Barry Allen si è concluso nel giro di una puntata con una severissima condanna, ma d’altronde, vedere una vera e propria battaglia legale stile Law & Order in una serie come questa, sarebbe stato probabilmente fuori luogo, soprattutto quando l’imputato decide sostanzialmente di andare a processo senza avere una linea difensiva, decisione che finisce per regalare agli spettatori un’esperienza piuttosto frustrante.
Anche al più inesperto di questioni legali sarà infatti saltato agli occhi che Barry non avesse possibilità alcuna di uscire indenne da un processo montato contro di lui con così tante prove a proprio carico, soprattutto quando ci si rende conto che l’unica difesa che viene usata è quella di asserire che egli sia in realtà “un bravo ragazzo“, come se questo possa essere sufficiente a chiudere la questione e una qualsiasi giuria potesse lasciarsi convincere, solo grazie a questo, della sua innocenza.
Il punto focale dell’episodio, è evidente, non è però tanto far vivere ai protagonisti l’ansia del processo in sé, quanto piuttosto l’ineluttabilità del verdetto finale e dimostrare come ogni nemico che si rispetti, prima di essere sconfitto, debba apparire intoccabile per rendere poi il momento del riscatto dell’eroe persino più grandioso.

CORRELATO – The Flash: recensione dell’episodio 4×09 Don’t Run

Con il verdetto finale, non solo Barry dovrà vivere la stessa angoscia di suo padre, condannato ingiustamente per un omicidio che non ha commesso, ma avrà in più il compito di mantenere il ruolo di colonna portante del Team Flash, perché – ora più che mai – a proteggere la città dai metaumani restano solo i suoi amici, i quali non possono permettersi di crogiolarsi nel proprio comprensibile sgomento e dolore.
Barry Allen non ha un ruolo semplice in questa vicenda, ma – come il personaggio ha dimostrato spesso di saper fare in questi quattro anni di serie – riesce comunque a mantenere il controllo della situazione con invidiabile sangue serenità, prendendo comunque la decisione più saggia, anche se questa gli costerà un grande sacrificio.

Una delle scene più intense dell’episodio è infatti quella in cui Iris, sul punto di rivelare la vera identità del marito di fronte al giudice e alla giuria, si ritrova bloccata dal Barry che, usando la super velocità, la implora di non mettere se stessa e tutte le persone che amano in pericolo, il tutto mentre il tempo, letteralmente, si ferma e la telecamera riprende questa commovente scena girando attorno ai due protagonisti.
Il Barry di una volta, colui che aveva sacrificato il bene dei suoi amici per il proprio tornando indietro nel tempo e creando il Flashpoint, sembra finalmente maturato e, a discapito della sua stessa libertà, pensa all’incolumità delle persone che gli sono più vicine.

Altrettanto ben riuscito è lo scambio tra Marlize DeVoe ed Iris che, sebbene non spieghi il perché quest’ultima non pensi a registrare la sua conversazione con la moglie del loro nemico, soprattutto considerato il suo passato di giornalista, sembra suggerire che lo scontro finale di questa stagione non riguarderà solo il professore e Barry, ma anche due donne forti e profondamente innamorate dei propri compagni, pronte – per loro – a fare anche i più indicibili sacrifici.

The Trial of The Flash è una buona ripresa di stagione per la serie, anche se rimane sotto la spada di Damocle di come questa particolare trama verrà portata a compimento dagli autori (o quanto velocemente), e che ha soprattutto il merito di aver messo tutti i protagonisti in una posizione decisamente inaspettata, soprattutto quando, con un verdetto che coglie tutti di sorpresa, il protagonista viene condannato all’ergastolo per omicidio.

https://www.youtube.com/watch?v=nYY-uOS8qag

La quarta stagione di The Flash va in onda negli Stati Uniti ogni martedì su The CW.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.