Future Man: recensione dell’episodio 1×01 Pilot

Future Man, la nuova serie sci-fi di Hulu, disponibile da quest’oggi sul servizio streaming americano, è prodotta ed ideata da Seth RogenEvan Goldberg, il team dietro a pellicole come Suxbad – Tre menti sopra il peloFacciamola finita e Sausage Party, commedie oltraggiose ed insolenti, caratterizzate da un umorismo “da caserma” alle quali questo show di 13 episodi chiaramente si ispira.

Il protagonista della serie è Josh Futterman, interpretato da Josh Hutcherson, un ragazzo appassionato di videogame senza particolari talenti o prospettive per il futuro, che lavora come addetto alle pulizie in un laboratorio di ricerca che studia una cura contro l’herpes, diretto dal dottor Kronish (Keith David).
Quando Josh riesce finalmente a superare l’ultimo, agognato, livello di un difficilissimo videogioco intitolato The Biotic Wars, che tutti, nella comunità degli amanti dei videogame odiano, proprio per la sua eccessiva complessità, finisce per venire colto in una situazione piuttosto compromettente dai protagonisti stessi del gioco, la bella Tiger (Eliza Coupe) e l’aggressivo Wolf (Derek Wilson), venuti dal futuro per prelevarlo, i quali gli spiegano che The Biotic Wars altro non era che una simulazione da loro creata per rintracciare l’eroe che gli avrebbe aiutati a salvare il mondo da un’epidemia scatenata proprio dai laboratori per cui lui lavora.

Che la trama della serie sia un evidente riferimento a Giochi Stellari, film del 1984, divenuto presto una pellicola di culto, sarà lo stesso Josh a suggerirlo ai suoi nuovi compagni di avventura, quando loro lo trascineranno nel passato per impedire il dilagare dell’epidemia  che distruggerà l’umanità, fermandola ai suoi albori.
La serie riesce a bilanciare in maniera piuttosto equilibrata l’elemento  sci-fi  con la commedia e sfrutta l’umorismo un po’ spinto del genere senza esagerare troppo.
Hutcherson, poi, veste perfettamente i panni dell’eroe per caso, facendosi gioco dello stesso ruolo di Peeta da lui interpretato nella famosa saga di Hunger Games e sparando battute a raffica sua altezza, la sua totale mancanza di abilità nel combattere o di difendere se stesso.
La Coupe poi, il cui talento nel ruolo di Jane Kerkovich-Williams in Happy Endings spiccava nel gruppo delle protagoniste della serie, con la sua voce profonda e graffiante, è perfetta nella parte della guerriera post-galattica pronta a rischiare il tutto per tutto per portare a termine la propria missione.

Se amate i videogiochi, i film di culto e le commedie sboccate, Future Man vi farà sicuramente ridere parecchio, soprattutto per la sua capacità di prendersi costantemente in giro, dalle gag ridicolmente scontate, alle scene di lotta che si svolgono proprio come in un videogame, in cui i personaggi annunciano il nome del colpo che stanno per sferrare prima di attaccare l’avversario: “colpo in faccia“, “calcio” e via dicendo, che fanno di questa serie un prodotto sicuramente sciocco, volgare e prevedibile, ma anche sorprendentemente genuino nel non cercare mai di essere diverso da quello che è.

https://www.youtube.com/watch?v=vJaUfpbEYIU

La prima stagione di Future Man, composta da 13 episodi, è distribuita negli Stati Uniti da Hulu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.